lunedì 9 maggio 2011

CROSTATA FRAGOLE&KIWI

Da secoli desideravo una bella crostata con crema e fragole e si sa che quando mi metto in testa qualcosa  non c'è verso di farmi cambiare idea (soprattutto quando si tratta di cibo). Dunque ho stabilito la data, e solo dopo mi sono resa conto che proprio quella domenica sarebbe stata la festa della mamma. Così, con la scusa, ho pure fatto la figlia devota e affezionata che si prodiga per festeggiare degnamente la propria madre... che tesoro! Ma del resto, contenta lei, contenta io, contenti tutti!

Solo che mio padre non mangia fragole (maledetto) infatti dalla foto noterete quello spicchio di torta solo-kiwi che sfasa la perfezione che tanto mi sono cimentata a creare... chi mi conosce sa i miei livelli di pignoleria e potrà solo immaginare che per digerire quello spicchio senza fragole ho dovuto combattere con le mie manìe ossessive compulsive che tendono alla simmetria e all'ordine assoluto.

Eppure, bisogna accontentare tutta la famiglia; così sabato pomeriggio ho preparato la pasta frolla e la crema, ho ficcato tutto in frigo, e domenica ho solo dovuto preparare la crostata, riempirla e guarnirla.
Consiglio espressamente questa suddivisione in due giorni perché non solo vi consente di fare raffreddare e solidificare a sufficienza la crema, ma vi permette anche di non fare una levataccia la domenica mattina; di conseguenza, potrete fare tardi il sabato sera, e così via.

E comunque: SONO una figlia devota e affezionata, tsk!

Ingredienti per la pasta frolla:
  • 250 gr di farina 00;
  • 125 gr di burro;
  • 125 gr di zucchero;
  • 1 pizzico di sale;
  • 1 uovo;
  • 1 cucchiaino scarso di lievito;
  • scorza di 1/2 limone;
  • 1 bustina di vanillina.

Ingredienti per la crema:
  • 400 ml di panna (non zuccherata);
  • 600 ml di latte;
  • 4 uova intere;
  • 1 bustina di vanillina;
  • 80 gr di amido;
  • 300 gr di zucchero;
  • 1 pizzico di sale.

Preparazione:
Prepariamo la pasta frolla. Dopo avere lasciato il burro a temperatura ambiente per circa mezz'ora, tagliatelo a cubetti e strizzatelo con le mani assieme allo zucchero e alla scorza di limone. Aggiungete l'uovo. Nel piano di lavoro setacciate la farina con il sale, il lievito e la vanillina e versatevi il composto. Compattate velocemente, formate una palla, avvolgetela nella pellicola da cucina e mettete in frigo per una mezz'oretta.
Adesso è il turno della crema. Portate a ebollizione il latte, la panna e la vanillina versati precedentemente in un pentolino. In un altro pentolino sbattete le uova con lo zucchero e il sale; aggiungete l'amido setacciato e continuate a sbattere. Appena il composto di latte avrà raggiunto l'ebollizione, versatelo nel composto di uova facendolo passare per un colino a maglie fitte. Mettete su fuoco bassissimo e mescolate con una frusta a mano. Portate a ebollizione, sempre mescolando, finché la crema non si addenserà. Non fate bollire troppo, però; ricordate che se anche all'inizio la crema potrà sembrarvi un po' liquida, raffreddandosi si solidificherà. Toglietela dal fuoco e lasciate raffreddare. 
Dopo averla fatta raffreddare, le ho dato una passata di sbattitore elettrico: i grumi sono scomparsi ed è risultata bella liscia e omogenea.
Infine, prepariamo la crostata. Fate riscaldare il forno a 180°. Stendete la pasta frolla su un foglio di carta forno infarinato. Quando è abbastanza sottile (ma non troppo), spolverizzate di farina e piegatela in quattro. Con questo procedimento potremo facilmente prenderla e adagiarla sullo stampo. Una volta lì, pian piano riapriremo le quattro parti e le compatteremo sul fondo e sui bordi. 
Io utilizzo un magnifico stampo per crostata in silicone comprato con due soldi al LIDL, senza il quale non avrei potuto giungere alla vittoria; tutte le mie precedenti crostate, infatti, puntualmente si incollavano agli stampi in alluminio, gettandomi in una depressione senza via di ritorno. Consiglio, dunque, l'acquisto di questo stampo, perché vi consente di premere la frolla lungo i bordi e per tappare i piccoli buchini senza che questa si attacchi irrimediabilmente durante la cottura. 
Una volta rivestito lo stampo, bucherellate con la forchetta tutta la superficie, coprite con un foglio di carta forno la base e versatevi sopra dei legumi secchi. Infornate per 15 minuti circa, ma controllate costantemente: la frolla dovrà appena dorarsi! Finita la cottura, sfornate e lasciate raffreddare.
Appena raffreddata, capovolgetela e sformatela su un piatto da portata. Versatevi dentro la crema (anch'essa raffreddata e solidificata per bene), livellate con un cucchiaio e a questo punto sbizzarritevi tagliando frutta a piacere e decorando la vostra crostata!
Io non ho usato gelatina sopra la frutta perché onestamente non mi piace, ma liberissimi di farlo voi!



La ricetta della pasta frolla l'ho presa da qui, è la migliore che abbia mai provato, con poche uova e burro in rapporto agli altri ingredienti e quindi più leggera ma allo stesso tempo croccante e resistente.
Per la crema, invece, ho tratto ispirazione da questa ricetta, variandola un pochettino. Con queste dosi ne è avanzata un po', così l'ho versata in quattro coppette e l'ho riempita di frutta tagliata a pezzetti: un ottimo dessert! (oltre alla crostata, lo so, sono insaziabile!!!).

Nessun commento:

Posta un commento