lunedì 2 maggio 2011

TETTE

Lo so, è un titolo un po' rozzo. Vi confesso che avevo pensato a svariate alternative, ma questo non solo si è rivelato magnificamente conciso, ma mi ha pure dato l'impressione che avrebbe attirato in massa tutto il pubblico maschile il quale, appena letto, ci avrebbe inconsciamente cliccato sopra, quasi come un impulso pavloviano ormai radicato nel suo DNA. 
Questo post in realtà nasce come un breve confronto tra quella schiera di donne il cui grasso in eccesso è localizzato perfettamente al posto giusto (Maggiorate) e quelle donne che sono esattamente l'opposto (per ovvi motivi, qui indicate con il pronome Noi).
Innanzitutto, le Maggiorate trovano sempre il momento sbagliato in cui dirti: <Beata te che puoi uscire senza reggiseno>. Ignorano probabilmente il fatto che Noi non saremmo mai così masochiste da rinunciare anche a quel minimo effetto benefico di un push-up.
Le Maggiorate, inoltre, nonostante la loro fortuna, sono riuscite a passare l'adolescenza con i complessi, favorendo la comparsa di una gobba da postura strategica pro-nascondimento di tette. Uno dei ricordi da teenager che abbiamo invece Noi è la prova della coppa di champagne, dalla quale l'unica cosa che abbiamo guadagnato è stato un terribile effetto ventosa.
Le Maggiorate possono orgogliosamente mettersi in topless. Noi ci procuriamo costumi imbottiti nonostante in acqua facciano un tremendo effetto catapulta, a causa del quale quando salti per schiacciare la palla rimani nuda per una frazione di secondo. 
Le Maggiorate, tra l'altro, sono delle grandi cultrici dell'intimo, perfetti cyborg sfornati da Intimissimi. Noi, viceversa, non abbiamo mai capito la differenza tra coppa A, B e C; a stento sappiamo cosa sia un reggiseno.
Vorrei poter dire che in tutto ciò non ci sia nulla di personale, ma rimembro ancora l'ultima volta che ho tentato di nascondere qualcosa in mezzo alle tette: dopo dieci minuti , in pieno corridoio del Bricomarket, mi è caduta da sotto la maglietta. Scommetto che una Maggiorata, al contrario, potrebbe uscire d'estate senza borsa, tenendo tutto lì in mezzo come una Mary Poppins dal fortunato décolleté. 
Infine vi dico: donne superdotate, non sentitevi a disagio! Pensate che quando parlate con un uomo potete dirgli <Guarda che gli occhi sono qui sopra>; l'unica battuta da film che Noi possiamo dire è <Guarda che le tette sono qua sotto>.


6 commenti:

  1. :D :D :D
    La scena del bricomarket è destinata a restare viva nelle nostre menti!

    RispondiElimina
  2. non potevo mettere più dettagli, poi ti racconterò meglio di presenza :D

    RispondiElimina
  3. Ciao, sono Giuseppe, autore del blog cervelliamo http://cervelliamo.blogspot.com
    Effettuando ricerche in rete ho notato il tuo blog e volevo chiederti se vuoi collaborare scrivendo articoli anche su cervelliamo.
    Ci sono tante categorie su cui orientarsi e si può scrivere su uno o più argomenti.
    Facciamo una media di 3000 pagine viste al giorno e, man, mano, andiamo a crescere.
    Potrai utilizzare Cervelliamo come secondo blog, divulgare informazione con l'opportunità di guadagnarci su con il sistema adsense di google, facile, meritocratico e sicuro.
    Siamo presenti nei maggiori network della rete, siamo su google news, la fan page su facebook con più di 1550 persone, quello quello che scrivi, sarà letto sicuramente da qualcuno.
    Se ti piace l'iniziativa, conoscere il team, migliorare insieme, non esitare a contattarmi, sia per email o direttamente su facebook al mio indirizzo personale.
    http://www.facebook.com/cervelliam0
    Ti aspetto!

    RispondiElimina
  4. ciao,
    bellissima il tuo blog!!!
    già è vera òla storia e vi posso capire voi donne il complesso dei seni... ma è la natura e anche noi uomini abbiamo quel piccolo "vizio da vista" (ma non tutti uomini ovviamente)!!!
    cmq bella la storia...
    :D:D:D:D

    RispondiElimina
  5. Non sono anonima ma Marzia...Grande Manuuuuu!!! ;)

    RispondiElimina
  6. ahahahah ce l'abbiamo fatta!!! grazie giò :-*

    RispondiElimina