lunedì 26 marzo 2012

ROLLO' ALLA RICOTTA (o rollot che si legge rollò)

Oggi vi presento un dolce che qualunque abitante della ridente Caltanissetta conoscerà sicuramente: il Rollò alla ricotta
Un colto individuo che ebbi la fortuna di conoscere tempo fa si ostinava a dire che si scrivesse Rollot e si pronunciasse Rollò. In pratica ero io la zoticona che lo scriveva in maniera sgrammaticata, come quelli che invece di gateau scrivono gatò.
Caro il mio colto individuo che hai lasciato queste lande sicule in cerca di fortuna al Nord, mi raccomando esporta il termine Rollot e ti vengo a cercare e giuro che ti picchio. AH, ci puoi giurare che ti picchio!

Ok, prendete queste violente divagazioni come un sintomo da stress pre-laurea e fatemi continuare con la mia ricetta. Quella di questo fantastico dolce, presumibilmente di origini nissene, che insieme al cannolo e alla raviola fritta rappresentano la santissima trinità del godimento siciliano al sapore di ricotta!

Ingredienti:
  • 500 gr di ricotta;
  • 250 gr di zucchero;
  • 50 gr di farina;
  • 15 gr di cacao amaro in polvere;
  • 4 uova;
  • un pizzico di sale;
  • qualche goccia di rum;
  • pistacchi tritati per decorare.

Preparazione:
Separate i tuorli dagli albumi e montate a neve questi ultimi con un pizzico di sale. 
In un'altra ciotola battete i tuorli con 150 gr dello zucchero. Setacciatevi poi la farina e il cacao, aggiungete le gocce di rum e mescolate.
Non preoccupatevi se l'impasto vi sembrerà un po' duro e appiccicoso, ora si sistema tutto!
Incorporatevi gli albumi poco per volta e mescolando RIGOROSAMENTE dal basso verso l'alto con un cucchiaio di legno, sennò gli albumi si smontano e il pan di spagna viene una cacca e vi mettete a piangere.
Foderate una teglia abbastanza grande e rettangolare con della carta da forno, versatevi il composto (fino a raggiungere uno spessore di massimo 5 mm) e infornate a 200° per 10 minuti.
Sfornate e rovesciate il pan di spagna su un telo umido, togliete delicatamente la carta da forno e avvolgetelo, lasciandolo poi intiepidire per un paio di minuti.
Nel frattempo, mentre il pan di spagna era in forno, avrete già mescolato la ricotta con il restante zucchero e, per i più golosi, qualche goccia di cioccolato.
La quantità di zucchero dipende in realtà dai gusti, quindi aggiungetelo poco per volta e assaggiate la ricotta con una mossa alla cotto e mangiato dalle dubbie qualità antibatteriche.
Srotolate il pan di spagna, spalmatelo con la ricotta e arrotolatelo di nuovo. Avvolgetelo nella pellicola da cucina e mettete in frigo per 4-5 ore. 
Quando sarà passato il tempo necessario, o quando starete morendo di fame e non ne potete più, eliminate la pellicola, spalmate un sottile strato di ricotta o di panna o qualunque cosa faccia aderire il pistacchio sbriciolato e affettate il vostro rollò fino a ottenere taaaaanti rollò quanto bastano per un week-end iperglicemico e appagante. 

E' stato difficile? E dai che non lo è stato!
E se siete terrorizzati all'idea di avvolgere il pan di spagna, che siete così goffi e dannusi che sicuro si spacca e lo disintegrate, fate una bella cosa: preparate due pan di spagna con lo stesso procedimento, però in una teglia rotonda. Farciteli con la ricotta e ricoprite il TORTO' con tanta panna montata e granella di pistacchi. 
Così va meglio? ;-)

Immagine rollò di ricotta, ricetta siciliana, da Caltanissetta, a base di pan di spagna al cioccolato e ricotta

4 commenti:

  1. il rotolo e'sempre difficile da fare ma questo e'perfetto e buonissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lucy! :)
      se si azzeccano i tempi e non lo si fa raffreddare troppo, è meno complicato di quanto si pensi, poi forse il segreto è il panno umido... chi lo sa! :D l'importante è che funzioni! :P

      Elimina
  2. fanciulla accionnati!
    ormai le ricette si fanno con lo viteo!
    guadda e impara:
    http://www.youtube.com/watch?v=ERlk0TKGlwg&feature=relmfu
    (LoRE)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahahah ma bellissimo e violentissimo! :D
      a breve dovrò farne uno! XD

      Elimina