mercoledì 14 novembre 2012

I COMPLIMENTI SONO GRATIS

Devo darvi una notizia sensazionale.
Ci sono le prove che dimostrano che esistono ancora uomini (una minoranza, badate bene) che contattano la donna i giorni successivi essere stati con lei. E sembra che non solo i loro attributi siano rimasti intatti e al loro posto, ma questo straordinario gesto non abbia intaccato minimamente la loro virilità.
Ovviamente questi uomini sono ormai in via di estinzione, surclassati dai loro simili ai quali però l'evoluzione della specie ha instillato Menefreghismo e Paura non solo dei rapporti umani, ma anche di qualunque altra forma di gentilezza post-rapporto, e la convinzione che scomparire completamente dalla faccia della terra sia la soluzione migliore per troncare qualunque tipo di problema/paranoia/risentimento/impegno.
Ignorando una cosa fondamentale: si tratta di semplice EDUCAZIONE. A volte, invece, gli uomini hanno così tanta paura di ogni tipo di conseguenza che trattano la loro controparte ancora peggio di come tratterebbero il peggio stronzo conosciuto per sbaglio al bar. 
Sapevate, piuttosto, che secondo il De Mauro VIRILITA' è sinonimo di MATURITA'? Quindi non maschio. Non stronzo. Non "ce l'ho più lungo di tutti". Ma "ho le palle di non scappare e affrontare le conseguenze di ciò che ho fatto".

Ma capisco che per un uomo disabituato ad agire così, avere le palle di non scappare e affrontare le conseguenze di qualcosa è una pretesa un po' ardua, almeno all'inizio.
Perciò partiamo con un compito facile facile. Fare i complimenti a una donna. Regola numero uno: i complimenti sono gratis, e non siete meno maschi o meno misteriosi se li fate. 
Sono più che certa che se esistessero più uomini schietti sulla terra ci sarebbero meno femmine complessate al mondo.
Voglio dire, che me ne faccio di quelli che oggi mi dicono "sai, mi ricordo di te ai tempi in cui ti vedevo in aula studio, mi avevi colpito molto" oppure "mi piacevi ai tempi delle medie, avevi un culo pazzesco". Ma sticazzi! Dirmelo dieci anni fa no? Cosa me ne faccio adesso di queste rivelazioni, a parte rosicarmi un bordello dell'aver passato un'adolescenza complessandomi del fatto che non mi cagasse nessuno e invece ora - bella soddisfazione, davvero - so che mentre mi facevo le seghe mentali c'era un ragazzo ricurvo in qualche angolo a osservarmi senza avere le palle di farmi mezzo complimento?

Insomma, la morale è: esercitate la vostra virilità cominciando a fare i complimenti che sentite di dover fare, perché voi non potete immaginarlo, ma un semplice complimento da mille lire può salvare l'ego di una donna insicura.
Sappiate che ogni volta che lesinate un complimento, una donna dall'altra parte del mondo si cambia mille volte d'abito.


3 commenti:

  1. che mondo sarebbe senza donne???
    sarebbe un mondo monotono e noiso senza i complimenti, neanche una poesia, nemmeno un sogno o una musica da fantasticare...

    RispondiElimina
  2. Penso alle reciprocità, a quanto donne e uomini abbiano bisogno di parole di gesti, di cose vere e non dimostrazioni e rappresentazioni di "esistenza", di supremazie
    di genere (maschili e femminili)

    E parlando di parole ed essenza ti scrivo una cosa che ho scitto.

    Il giardino delle parole

    Se potessi salvarti
    la, sola
    nell’infinito concentrico
    delle argomentazioni d’amore
    ti bacerei,
    senza una parola

    su http://iniquoegeometrico.wordpress.com/2012/11/11/il-giardino-delle-parole/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Apprezzo molto le tue parole Alessandro.
      Penso che noi tutti, uomini e donne, dovremmo innanzitutto spogliarci della paure di apparire deboli se mettessimo a nudo i nostri sentimenti, le nostre impressioni, i nostri pareri, i nostri dubbi. Quante opportunità ci lasciamo sfuggire nascondendoci dietro il silenzio? Che, peraltro, è molto più fraintendibile di tutte le parole che potremmo utilizzare.

      Elimina