Quante volte al giorno ti separi dal tuo smartphone? Ecco, la tua risposta la dice lunga sull’importanza di sviluppare delle strategie di marketing su misura dell’utenza mobile. In altre parole: sull’importanza di prendere in considerazione il mobile marketing per le tue campagne.

La quantità di persone che accedono al web da mobile, infatti, è in continuo aumento. Pensa che nel mio caso rappresenta circa il 45% degli accessi al blog! Numeri, insomma, che non possono passare inosservati. Tuttavia, le aziende non si sono ancora buttate a capofitto sul mobile marketing. Perché?

Uno dei motivi va ricercato nei sondaggi, i quali dimostrano che la pubblicità su smartphone spesso irriti gli utenti, e che questi ultimi non siano poi così propensi a scaricare la tua ultima app pubblicitaria.

Insomma, se è vero che il pubblico mobile è in continua crescita, è ancor più vero che raggiungerlo non è una passeggiata. Ecco perché il mobile marketing non è più solo questione di investimenti ma diventa prima di tutto una questione di creatività.

Ecco qui 3 esempi di campagne di mobile marketing che sono riuscite a raggiungere il loro target in modo creativo, superando le barriere sopracitate e registrando un grande successo.

1. Nivea

La geolocalizzazione è un elemento da non trascurare in ottica di mobile marketing. Nivea ce lo dimostra con la sua campagna diffusa in Brasile per la promozione della sua crema solare per bambini. Puntando sul concetto di “protezione”, la campagna vuole offrire un valido supporto ai genitori per proteggere i propri bambini, dal sole e non solo.

All’interno delle riviste Nivea ha inserito un annuncio stampa al cui interno puoi trovare una braccialetto brandizzato da mettere al polso del tuo bimbo in spiaggia. Il braccialetto, sincronizzato con l’apposita app da scaricare sul tuo smartphone, comunica in tempo reale la sua posizione e ti avverte se si sta allontanando oltre la zona di sicurezza stabilita.

Una campagna davvero interessante che ha generato un gran passaparola. Occhio però a non lasciarti sedurre dal suo lato stalker infilando il braccialetto nella borsa del tuo fidanzato/a!

2. Ikea

La realtà aumentata è una tecnologia che permette, attraverso l’utilizzo dei nostri smartphone, di poter arricchire la nostra esperienza nel mondo reale integrandola con oggetti virtuali. Se sei ancora un po’ confuso, la campagna di mobile marketing di IKEA ti chiarirà presto le idee.

Ikea ha scoperto che il 14% dei suoi clienti ha acquistato dei mobili per la propria casa scoprendo solo dopo l’acquisto di aver sbagliato le misure. Ecco allora l’idea: permettere agli utenti di vedere esattamente come un complemento d’arredo apparirà una volta inserito in casa prima ancora di acquistarlo.

Tutto ciò è possibile grazie all’apposita applicazione che, una volta scaricata, permetterà di consultare il catalogo IKEA e, puntando la fotocamera del nostro dispositivo mobile sull’angolo della nostra casa prescelto, posizionarvi il mobile di nostro interesse. Uno strumento più che valido se pensi di cambiare il look del tuo soggiorno, non pensi?

3. McDonalds

Chi l’ha detto che una campagna di mobile marketing debba essere per forza utile? Infatti agli utenti spesso interessa semplicemente divertirsi e McDonalds questo non smette mai di dimenticarlo.

È così che ha introdotto negli store online il suo Fry Defender, l’app iOS e Android che trasforma il tuo smartphone in un sensore di movimento. Posizionandolo accanto alle tue patatine sarai certo di essere subito avvisato da un allarme se qualcuno cercherà di rubartele. Utile? Non tanto. Ma sfido a non provarla almeno una volta! O quantomeno a guardare il video promozionale, con tanto di intervista anonima a un ladro di patatine 😀

 

Piaciuto il post? Iscriviti alla newsletter per non perderti neanche una news su design, pubblicità e tanto altro: prometto che non ti rompo e ti scrivo solo di lunedì 😉