Quando possiamo parlare di un packaging riuscito in ogni suo aspetto? E soprattutto: cosa intendiamo esattamente quando parliamo di “ogni aspetto” di un packaging ben riuscito?

La progettazione di un imballaggio efficace non è roba da poco. Ecco qui 8 consigli da seguire per far sì che il tuo packaging possa distinguersi in modo creativo senza tralasciare l’aspetto comunicativo.

1. Comunica in modo chiaro

Cosa vuol dire? Vuol dire che devi mirare all’essenziale, con un packaging pulito, chiaro e conciso che comunichi i messaggi veramente importanti. Promettere di essere migliori degli altri non solo è ridondante ma non dà veramente un valore aggiunto alla tua confezione. Punta quindi sui valori e sui reali plus del prodotto, fai leva su quelli e veicolali in modo inequivocabile, senza troppi giri di parole!

2. Rimani concentrato

Non perdere mai di vista il tuo obiettivo e soprattutto l’identità del brand che dovrà trasparire sin dalla confezione: un packaging deve distinguersi, certo, ma deve in ogni sua parte rimanere coerente con il marchio.

Come progettare un packaging efficace? Segui questi 8 consigli

3. Fai leva sul desiderio

Progetta il tuo packaging affinché non solo emerga dalla folla ma sia desiderabile da chiunque lo osservi: il consumatore deve credere di non poter fare a meno di quel prodotto e che proprio lui, diversamente dai suoi surrogati, sia quello giusto. Riuscirai a convincerlo dalla sola confezione?

4. Vai controcorrente

In altre parole: osa. Il che non vuol dire “E ALLORA VALE TUTTO!!!”, ma semplicemente che non devi assuefare la tua mente creativa ai trend che vedi in giro. Rimani fedele al tuo stile e all’identità del brand, trai ispirazione da ciò che ti circonda ma non aver paura di andare controcorrente se lo ritieni opportuno. La chiave per distinguersi è proprio… sapersi distinguere!

Come progettare un packaging efficace? Segui questi 8 consigli

5. Sii creativo!

Eh sì, il punto numero 5 scopre proprio l’acqua calda! Ma ogni tanto è bene ricordarlo: devi essere creativo! Il che non vuol dire per forza stravagante, o pazzo, o progetta un packaging per pizza fatto di pizza. Vuol dire che devi trovare un modo intelligente di far leva su tutti gli aspetti che stiamo affrontando qui ma devi farlo in modo non banale, in altre parole: originale. E in questo credo sia molto d’aiuto non smettere mai di fare ricerca e di spulciare la rete in cerca d’ispirazione, che non vuol dire annientare il tuo stile: se il cliente si è affidato a te vuol dire che il tuo approccio è ciò che l’ha colpito, ricordalo!

6. Pensa sostenibile

La sostenibilità non dovrebbe essere un aspetto accessorio ma dovrebbe stare alla base della progettazione di un packaging davvero efficace in ogni suo aspetto, anche quello relativo ai costi di produzione e distribuzione. E se poi strizza l’occhio all’ambiente, ancora meglio!

Come progettare un packaging efficace? Segui questi 8 consigli

7. Racconta una storia

Si parla tanto di storytelling, perché ciò non dovrebbe riguardare anche il packaging? Possiamo raccontare una storia tramite campagne pubblicitarie o social media ma non dimentichiamoci che se è vero che non tutti sono utenti attivi online è ancor più vero che chiunque va al supermercato e nei negozi, ognuno di noi tocca con mano l’involucro e gli dà una rapida occhiata per farsi spingere all’acquisto. È un momento che non possiamo ignorare!

8. Instaura un dialogo

La conversazione con il proprio target è fondamentale; come dicevamo prima, il punto vendita è un momento privilegiato in cui qualunque consumatore trascorre una parte del suo tempo. Attraverso il packaging non solo possiamo raccontare una storia ma possiamo coinvolgere l’utente, renderlo partecipe della storia del prodotto, invogliarlo a compiere delle azioni. L’imballaggio è molto più di un semplice involucro: è una tela bianca che non aspetta altro che te!

Come progettare un packaging efficace? Segui questi 8 consigli

Fonte: Creative Bloq.

 

Piaciuto il post? Iscriviti alla newsletter per non perderti neanche una news su design, pubblicità e tanto altro: prometto che non ti rompo e ti scrivo solo di lunedì 😉